Shopping Bag

    Cento Luoghi Di-versi

    From Treccani's vocabulary
    vïàggio s. m. [dal provenz. viatge, fr. ant. veiage, che è il lat. viatĭcum «provvista per il viaggio» e più tardi «viaggio», der. di via «via2»; cfr. viatico]. – 1. L’andare da un luogo ad altro luogo, per lo più distante, per diporto o per necessità, con un mezzo di trasporto privato o pubblico (o anche, ma oggi raramente, a piedi): un v. d’una settimana, di quindici giorni, di poche ore; fare un v. in treno, in nave, in aereo, in pullman, in automobile, e un tempo in carrozza, in diligenza, a cavallo; compiere un v. per terra, per mare, per aria (e quindi v. terrestre, marittimo, aereo); v. di piacere, v. turistico, v. d’istruzione, v. d’affari; v. di nozze, quello che di solito viene fatto da due sposi appena celebrate le nozze; intraprendere un lungo v.; mettersi, essere in v.; interrompere, proseguire il v.; tornare da un v.; il principio, il termine del v.; a metà del v.; v. di andata, di ritorno, di andata e ritorno.
    Treccani From Treccani's vocabulary
    vïàggio s. m. [dal provenz. viatge, fr. ant. veiage, che è il lat. viatĭcum «provvista per il viaggio» e più tardi «viaggio», der. di via «via2»; cfr. viatico]. – 1. L’andare da un luogo ad altro luogo, per lo più distante, per diporto o per necessità, con un mezzo di trasporto privato o pubblico (o anche, ma oggi raramente, a piedi): un v. d’una settimana, di quindici giorni, di poche ore; fare un v. in treno, in nave, in aereo, in pullman, in automobile, e un tempo in carrozza, in diligenza, a cavallo; compiere un v. per terra, per mare, per aria (e quindi v. terrestre, marittimo, aereo); v. di piacere, v. turistico, v. d’istruzione, v. d’affari; v. di nozze, quello che di solito viene fatto da due sposi appena celebrate le nozze; intraprendere un lungo v.; mettersi, essere in v.; interrompere, proseguire il v.; tornare da un v.; il principio, il termine del v.; a metà del v.; v. di andata, di ritorno, di andata e ritorno.
    Cento Luoghi Di-versi. Un viaggio in Italia (100 Di-Verse Places. A Trip to Italy), by Franco Marcoaldi and Tomaso Montanari
    A snapshot of a country that is as extraordinary as it is indecipherable is presented page after page by a poet, Franco Marcoaldi, and an art historian, Tomaso Montanari, who capture the soul of Italy in an absolutely unique way, exchanging words through verses and images.

    In Cento Luoghi Di-versi. Un viaggio in Italia (100 Di-Verse Places. A Trip to Italy), 100 images, physical, symbolic and mental places are accompanied by 100 poetic texts, since poetry has managed to capture, over the centuries, in a truly unique way, the soul of Italy, which can and must be rediscovered today.

    The purpose of the book is to offer a guide, devoid of clichés, to a personal and profound journey into an unparalleled territory. On this occasion, Treccani shuns the exhaustive encyclopaedic purpose: the book is meant to be a passionate, messy and idiosyncratic portrait of a certain idea of a country. An idea that emerges from the simultaneous coexistence of several authors from different historical periods and with different styles of expression, which are put together and intertwine by analogy or through juxtaposition. Readers are therefore invited to wander as they please, depending on their sensitivity and experience, to rediscover their roots through an unprecedented journey of knowledge and a renewed sense of belonging. A total of 100 images, including landscapes, statues, paintings, a Covid ward, a bank vault, a museum and a dump are juxtaposed with the words of Dante, Sandro Penna, Aldo Palazzeschi, Boris Pasternak, Patrizia Cavallari, Enzo Jannacci, Francesco Guccini and Fabrizio De Andrè. A continuous interplay between high and low, comic and tragic enhances the meaning of this book: it is a guide to start travelling again with the head and the body, starting from the heart.
    Discover Cento Luoghi Di-versi
    Discover Cento Luoghi Di-versi