Il mio carrello

    Brionvega

    Dal vocabolario Treccani
    design ‹di∫àin› s. ingl. [propr. «disegno, progetto», dal fr. dessein, che a sua volta è dall’ital. disegno] (pl. designs ‹di∫àin∫›), usato in ital. al masch. – Nella produzione industriale, progettazione (detta più precisamente industrial design ‹indḁ′striël ...›) che mira a conciliare i requisiti tecnici, funzionali ed economici degli oggetti prodotti in serie, così che la forma che ne risulta è la sintesi di tale attività progettuale; quando la forma dell’oggetto viene elaborata indipendentemente dalla progettazione vera e propria, si parla più propriam. di styling design ‹stàiliṅ ...›. Con riferimento ad altri settori di operatività: graphic d., la ricerca creativa e la progettazione di libri, di stampati pubblicitarî; town d., la progettazione (generalmente a opera di un architetto) mirante a dare ordine e forma a parti di città, ad attrezzature collettive, a parchi pubblici; visual d., la progettazione d’immagini per l’informazione visiva: cartelli, simboli, segnali; web d., l’ideazione e la progettazione di siti Internet.
    Treccani Dal vocabolario Treccani
    design ‹di∫àin› s. ingl. [propr. «disegno, progetto», dal fr. dessein, che a sua volta è dall’ital. disegno] (pl. designs ‹di∫àin∫›), usato in ital. al masch. – Nella produzione industriale, progettazione (detta più precisamente industrial design ‹indḁ′striël ...›) che mira a conciliare i requisiti tecnici, funzionali ed economici degli oggetti prodotti in serie, così che la forma che ne risulta è la sintesi di tale attività progettuale; quando la forma dell’oggetto viene elaborata indipendentemente dalla progettazione vera e propria, si parla più propriam. di styling design ‹stàiliṅ ...›. Con riferimento ad altri settori di operatività: graphic d., la ricerca creativa e la progettazione di libri, di stampati pubblicitarî; town d., la progettazione (generalmente a opera di un architetto) mirante a dare ordine e forma a parti di città, ad attrezzature collettive, a parchi pubblici; visual d., la progettazione d’immagini per l’informazione visiva: cartelli, simboli, segnali; web d., l’ideazione e la progettazione di siti Internet.
    Fondata nel 1945 a Milano da Giuseppe Brion e Leone Pajetta, con la denominazione B.P.M. (Brion Pajetta Milano), Brionvega è un’azienda italiana che ha segnato la storia del design applicato al mondo delle nuove tecnologie.

    Con un’iniziale vocazione rivolta alla produzione di componenti elettronici, solo cinque anni dopo, nel 1950, la realtà milanese cambia nome e ragione sociale in Vega B.P. Radio, specializzandosi nella costruzione di apparecchi radiofonici, che avrebbero lasciato il segno negli anni a venire. Grazie allo sviluppo della televisione a livello nazionale, l’azienda si apre alla fine degli Anni Cinquanta alla produzione di televisori, mutando nuovamente la propria identità in Radio Vega Television.

    È solo dal 1963, con l’uscita definitiva dell’Ingegnere Pajetta dal gruppo, che prende definitivamente il nome di Brionvega: è l’inizio di una storia senza eguali, fatta di una stretta collaborazione con designer di fama mondiale. È con la firma di Marco Zanuso e Richard Sapper che nasce Radiocubo nel 1962; mentre dalla collaborazione tra i fratelli Achille e Pier Giacomo Castiglioni nel 1965 nasce Radiofonografo, nello stesso anno Marco Zanuso presenta l’iconica radio Grattacielo, destinata a diventare un simbolo del design made in Italy.

    Avvalendosi di nomi come Hannes Wettstein, Sergio Asti, Mario Bellini, Ettore Sottsass, Brionvega ha prodotto modelli di radio e televisori di enorme successo, portando il made in Italy a vincere numerosi premi internazionali come il Compasso d’Oro ed essere esposto nei più grandi musei di tutto il mondo. Uno stile ricercato e inconfondibile e una qualità di ascolto senza pari caratterizzano tutti i prodotti di questo storico marchio, che ha saputo disegnare degli oggetti dal fascino intramontabile in grado di arredare con carattere ogni tipo di ambiente.

    Dal 2004, pur con il cambio di proprietà a direzione dell’azienda, SIM2 Multimedia, che ne detiene il diritto di utilizzo del nome, porta avanti la produzione Brionvega proponendo nuovi prodotti audio e video insieme a riedizioni di creazioni storiche, che ancora oggi, dopo più di cinquanta anni, sono ancora l’oggetto di culto di conoscitori e appassionati.
    Scopri Radiocubo 50° anniversario
    Scopri Radiocubo 50° anniversario